all you can eat di roma

I migliori sushi “All you can eat” di Roma

Mangiare tutto il sushi che si vuole ad un prezzo fisso e basso è il sogno di ogni amante della cucina giapponese e forse è anche per questo che i ristoranti che offrono la formula “sushi all you can eat” sono sempre pieni ad ogni ora del giorno e della notte.



I puristi del sushi sostengono che è impossibile mangiare sushi di qualità spendendo poche decine di euro a persone e fino a qualche tempo fa anche io ero della loro stessa opinione.

all you can eat

Poi, però, un giorno mentre mi trovavo in centro a Roma, mi capitò in mano il volantino pubblicitario di un famoso ristorante giapponese che per pranzo applicava la formula “all you can eat sushi”.

Avevo fame, ero a poche centinaia di metri di distanza, l’offerta era allettante e decisi di provare. Alla peggio – pensai – se il pesce non ha un bell’aspetto mi alzo e me ne vado senza consumare.

Non fu così, mi sedetti, mangiai con gusto e mi alzai soddisfatta e felice di aver mangiato bene e speso poco.

Dopo ci sono stati molti pranzi e molte altre cene con la formula all you can eat, alcuni ottimi e altri meno.

Adesso come adesso, dopo aver provato quasi tutti i ristoranti giapponesi di Roma, so con esattezza quelli che propongono un menù a prezzo fisso di qualità e quelli che, invece, è meglio evitare.

Ho deciso, quindi, di preparare un utilissimo post con indirizzi, link e numeri di telefono dei migliori ristoranti che propongono l’all you can eat sushi di Roma.

  • Yuki

Il primo ristorante che mi sento di consigliare è lo Yuki che offre sia a pranzo che a cena un ampio buffet di pietanze tipiche giapponesi: sushi, noodle, zuppe e onigiri. Ci si può servire tutte le volte che si vuole senza limitazioni e la qualità del cibo è buona per essere un all you can eat. Il locale si trova in via Marconi, ed è sempre pieno quindi ti consiglio di prenotare.

  • Akari Sushi

Vale la pena di provare anche il menù fisso dell’Akari Sushi  nel quartiere Aurelio. Qui puoi mangiare sushi a 19 euro, bevande escluse. Tra tutti quelli che ho provato è sicuramente quello con il miglior rapporto qualità prezzo. Da provare i rolls al salmone, mela e avocado. Per informazioni o per prenotazioni basta andare sul sito.

  • Hokkaido

Raffinato ed elegante, l’Hokkaido non viene meno alla sua filosofia neanche quando si tratta di all you can eat. L’all you can eat sushi dell’Hokkaido in via Castro Pretorio, è abbondante, ricco e freschissimo. E’ possibile optare per questa formula sia a pranzo che a cena. Attenzione a non esagerare, però, perché i gestori non sopportano che venga buttato via il cibo e “multano” eventuali sprechi con una maggiorazione che va dai 5 ai 20 euro. Per saperne di più puoi visitare il loro sito.

 Konnichi Wa

Se ti trovi a passare per il centro di Roma, allora, non puoi non provare l’all you can eat sushi del Konnichi Wa. A pochi passi dalla metro di Ottaviano, questo caratteristico ristorantino giapponese offre un menù a buffet di ben 63 pietanze. Con un piccolo sovrapprezzo, se vuoi, puoi anche farti servire il pranzo o la cena nella sala tatami. Se ordini la prima Coca Cola le successive non te le fanno pagare. Ti consiglio di prenotare perché visti i prezzi e l’ubicazione, è sempre molto affollato.

  • Makoto

La lunga fila sempre presente all’esterno del locale è una garanzia sulla qualità della cucina del Makoto. Situato in una traversa di via Tiburtina, questo piccolo ristorante giapponese offre un all you can eat sushi dal rapporto qualità prezzo imbattibili. L’ho provato spesso, sia a pranzo che a cena e non sono mai tornata a casa delusa. Se non vuoi fare una fila interminabile, ti consiglio di prenotare.

Io li ho provati tutti e cinque e non ho mai speso più di 15 euro a pranzo e 20 euro a cena.  Se anche tu come me ami il sushi, in questi ristoranti all you can eat di Roma potrai mangiarlo tutte le volte che vuoi senza farti troppi problemi.

Articolo a cura di:
Rita Maria Esposito
it.linkedin.com/pub/rita-maria-esposito/48/56/1



Diventa un mago della cucina giapponese


Condividi l'articolo se ti è piaciuto
Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on Twitter